Soldi fermi sui conti correnti? Le banche scaricano i costi sui Clienti. Ma non in Italia

 

Dove sono finiti i tempi in cui si depositavano i soldi su un conto e la somme venivano remunerate, cioè a fine anno ti trovavi i tuoi bei soldini più gli interessi che la banca ti corrispondeva!

 Adesso in alcuni paesi sta succedendo praticamente il contrario, sei tu che devi pagare la banca per il solo fatto di aver depositato i soldi sul conto corrente.

Tutto davvero paradossale vero?

Ma perché tutto questo? Dove sono da ricercare le motivazioni di tutto ciò?

 

La crisi economica e poi pandemica ha fatto riversare le persone nella paura più totale!

Paura di tutto, del futuro, di perdere il lavoro, di ammalarsi, di perdere i propri risparmi.

Appunto per questo, in controtendenza a tutto quello che stiamo vivendo, i risparmi degli Italiani continuano ad aumentare, sì, ma fermi sui conti correnti. Siamo a circa 1700 Miliardi.

Ma fin qui, in Italia tutto bene.

In altri Paesi Europei, tipo la Germania, circa 200 banche stanno facendo pagare un costo ai loro clienti per il solo fatto di tenere i soldi fermi sul conto corrente! (welt.de)

Lo scarico dei costi nelle mani dei clienti è dovuto principalmente alla condizione dei tassi di interesse, negativi che mandano in bilico i bilanci delle banche. In questo momento i soldi fermi sui conti correnti sono un costo, non solo per le Banche! 

In ogni caso non può essere sempre colpa dei risparmiatori, sfiduciati nel futuro, avendo sempre attorno incertezza è normale che si crei una situazione di questo tipo. DI STALLO!.

Ma mi chiedo, quando accadrà in Italia tutto questo? Chi (se accadrà) sarà la prima ad applicare un costo per i clienti, per detenere i soldi, risparmi sui conti? Mi chiedo quante volte devono essere tassati questi risparmi. Prima con le imposte sui redditi, poi con il bollo, e adesso con un interesse, negativo da corrispondere alla banca.

Ecco, credo che nessuno di noi ha la sfera per poter dire con certezza, se tutto questo potrebbe accadere anche in Italia.

Quindi un risparmiatore cosa dovrebbe fare in questo frangente?

-Prima di tutto controllare la solidità della banca dove detiene i soldi sul conto,

-Comprendere come detto da Mattarella in questi giorni, che tutta questa liquidità sui conti, considerata la pandemia, può essere un volano di sviluppo se inserita all’interno dei mercati per aiutare le aziende, quindi INVESTIRE, avere il coraggio, guidati da un consulente a guardare con occhi positivi, lungimiranti, il futuro, e per poter vivere un futuro dignitoso, perché lo sappiamo, la pandemia passerà, e con lei anche le incertezze

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

Contatti

Antonello Cincotta

Via Vittorio Emanuele
98055 - Lipari
Seguimi

Per una prima consulenza, scrivimi!